Ipotesi Senato, 8 a 5 per Berlusconi. 4 regioni in bilico.

L’imposizione nel 2006 del Presidente della Repubblica Ciampi, su suggerimento dell’ufficio legislativo del Quirinale, di firmare la nuova legge elettorale solo dopo la modifica del premio di maggioranza al senato da base nazionale a base regionale, potrebbe rivelarsi anche nelle prossime elezioni il vero nodo inestricabile della contesa elettorale. La governabilità nonostante la coalizione PDl+Lega viaggi con un vantaggio riscontrato dai sondaggi svolti in queste ore superiore al 9% nei confronti della coalizione PD+IDV, non appare sufficiente a garantire anche al senato la certezza di una maggioranza solida. Decisivo il ruolo che svolgeranno le forze minori nelle diverse regioni. Veltroni grazie alla rottura Udc-PDL ha buone possibilità di aggiudicarsi nuovamente le regioni storicamente rosse (Emilia-Romagna, Umbria, Toscana, Marche) oltre alla Basilicata, anche senza i voti della Sinistra Arcobaleno. Per ottenere questo risultato decisivi saranno i voti tolti alla lista PDL da Storace a destra e da Casini al centro. Stesso ragionamento in Campania. La somma dei voti di Casini e Mastella (se correranno ognuno con il proprio simbolo) potrebbe essere decisiva nel gioco dell’assegnazione del premio. Altre regioni in bilico potrebbero essere Abruzzo, Calabria e Sardegna, dove le due coalizioni sono molto vicine correndo con gli attuali accordi. Per le altre regioni i giochi anche con l’attuale situazione di alleanze appaiono ben definiti a favore di Berlusconi.  Il Molise e la Valle d’Aosta no hanno il premio. Il Molise assegna solo 2 senatori uno a testa ai due schieramenti e la Valle d’Aosta 1. Il Trentino Alto Adige presenta una situazione differente rispetto al resto del paese nella composizione delle liste. elettorali.

  

Previsioni Senato 2008 Premio Premio
Regione    
Sardegna    
Calabria    
Abruzzo    
Campania    
Sicilia PDL+Lega  
Puglia PDL+Lega  
Lazio PDL+Lega  
Friuli Venezia-Giulia PDL+Lega  
Lombardia PDL+Lega  
Piemonte PDL+Lega  
Liguria PDL+Lega  
Veneto PDL+Lega  
Umbria   PD+IDV
Marche   PD+IDV
Toscana   PD+IDV
Emilia-Romagna   PD+IDV
Basilicata   PD+IDV
Molise
Valle d’Aosta
Trentino-Alto Adige


 


  1. Chris

    Ottima analisi ma le marche non sono assolutamente pro csx. C’è un sostanziale pareggio, guardando ai voti del 2006 al senato

  2. antonellobarone

    grazie per il commento. Nelle marche lo scarto è sotto i due punti, a favore del PD+IDV. Ma senza i voti di Casini il PDl difficilmente riuscirà a vincere in questa regione, ovviamnte è una mia opinione personale. Con l’accordo le regioni rosse sarebbero diventate quasi tutte azzurre….

  1. 1 Senato Zoppo? L’ipotesi D’Alimonte alimenta false speranza nel PD? « minipolitica Weblog

    […] anche qui e […]




Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: